Category Archives: ATRANinFORMA

Ci risiamo! Il gruppo “… e io pago!!!…” – Emiddio Proto

stemma atrani futura

Ci risiamo! Il gruppo “… e io pago!!!…”, rappresentato questa volta dal rag. Emiddio Proto, già vicesindaco della precedente amministrazione, ha fatto affiggere un secondo manifestino.

Questa volta si parla dell’immobile di via F. M. Pansa n. 19 (“O Municipio viecchio”) per affermare che è abbandonato, chiuso e mai utilizzato.

Evidentemente è sfuggito ai rappresentanti del gruppo la delibera di Giunta Comunale n. 115 del 24 settembre 2015 che, nell’individuare la sede del Centro Operativo Comunale (C. O. C.), ubicava questa nell’immobile di via F. M. Pansa n. 19 (ex Municipio). Nella stessa delibera si possono leggere le ragioni di una tale scelta.

Potremmo finirla qui se non fosse che il gruppo, nella foga di criticare tutto e tutti, dà del bugiardo al Sindaco, “colpevole” di non aver tenuto fede alle “promesse (?) elettorali”.

Anche questa volta ai rappresentanti del gruppo è sfuggito qualcosa (conoscendoli bene, ciò non ci sorprende): nelle Linee Programmatiche di Atrani Futura (pag. 13 – naturalmente parliamo del programma ufficiale che viene presentato prima della competizione elettore e rimane affisso all’Albo Pretorio) testualmente è scritto: Riqualificare l’intero patrimonio immobiliare comunale (tramite fondi per l’accelerazione della spesa provenienti dalla Regione Campania).

Ebbene, con i fondi per l’accelerazione della spesa (erogati dalla Regione Campania), sono stati eseguiti prevalentemente lavori di ristrutturazione delle facciate (“coibentazione”) degli immobili di proprietà del Comune!!!

Con un po’ di attenzione maggiore si sarebbero evitati due scivoloni….

…. Ed anche il terzo!! Ci può spiegare qualche rappresentante del gruppo, magari “esperto” in materia, con quali modalità ha calcolato “un affitto di circa 700/800 euro al mese” per l’immobile ex municipio?

Attendiamo, fiduciosi, lumi in materia.

Ci risiamo! Il gruppo “… e io pago!!!…”, rappresentato questa volta dal rag. Emiddio Proto, già vicesindaco della precedente amministrazione, ha fatto affiggere un secondo manifestino.

Questa volta si parla dell’immobile di via F. M. Pansa n. 19 (“O Municipio viecchio”) per affermare che è abbandonato, chiuso e mai utilizzato.

Evidentemente è sfuggito ai rappresentanti del gruppo la delibera di Giunta Comunale n. 115 del 24 settembre 2015 che, nell’individuare la sede del Centro Operativo Comunale (C. O. C.), ubicava questa nell’immobile di via F. M. Pansa n. 19 (ex Municipio). Nella stessa delibera si possono leggere le ragioni di una tale scelta.

Potremmo finirla qui se non fosse che il gruppo, nella foga di criticare tutto e tutti, dà del bugiardo al Sindaco, “colpevole” di non aver tenuto fede alle “promesse (?) elettorali”.

Anche questa volta ai rappresentanti del gruppo è sfuggito qualcosa (conoscendoli bene, ciò non ci sorprende): nelle Linee Programmatiche di Atrani Futura (pag. 13 – naturalmente parliamo del programma ufficiale che viene presentato prima della competizione elettore e rimane affisso all’Albo Pretorio) testualmente è scritto: Riqualificare l’intero patrimonio immobiliare comunale (tramite fondi per l’accelerazione della spesa provenienti dalla Regione Campania).

Ebbene, con i fondi per l’accelerazione della spesa (erogati dalla Regione Campania), sono stati eseguiti prevalentemente lavori di ristrutturazione delle facciate (“coibentazione”) degli immobili di proprietà del Comune!!!

Con un po’ di attenzione maggiore si sarebbero evitati due scivoloni….

…. Ed anche il terzo!! Ci può spiegare qualche rappresentante del gruppo, magari “esperto” in materia, con quali modalità ha calcolato “un affitto di circa 700/800 euro al mese” per l’immobile ex municipio?

Attendiamo, fiduciosi, lumi in materia.

PER AMORE DELLA VERITA’

stemma atrani futura

Un gruppo di cittadini (diciamo quelli con la memoria corta) hanno fatto affiggere (dandone incarico al Sig. Stanzione) un manifestino, dal titolo “… e io pago !!!!!”. In questo manifestino si ricorda (!!!!!) la vicenda della cabina Enel di via Di Benedetto e si cita, in maniera sommaria e frettolosa, un esposto presentato dal “dr. Luciano de Rosa Laderchi, allora consigliere comunale di opposizione”; il sequestro della cabina stessa; sette anni di indagini da parte della Magistratura; la “assoluzione con formula piena perché il fatto non sussiste”.

Il tutto per concludere che, avendo il comune liquidato la somma di euro 4872,15 a favore dell’Ing. De Santis (all’epoca responsabile dell’Ufficio Tecnico) quale rimborso delle spese sostenute per la difesa, la somma stessa dovrebbe essere addebitata a chi ha sbagliato (il gruppo consiliare Atrani Futura).

Proviamo, documenti alla mano, a fare un po’ di chiarezza. In data 14 aprile 2010 il gruppo consiliare “Atrani Futura” presentava un esposto nel quale evidenziava:

  1. che non risultava esserci alcuna delibera di Consiglio comunale di riconoscimento dell’interesse pubblico del manufatto (cabina elettrica) né tantomeno di parere favorevole al rilascio del titolo ad edificare;
  2. che l’ubicazione della cabina era all’interno di un’area adibita a centro di raccolta dei rifiuti (facilmente infiammabili), nelle immediate vicinanze sia della condotta dell’acquedotto che di quella del gas.

Pertanto, contrariamente a quanto scritto sul manifestino, nessuna accusa di “inquinamento ambientale ……”, di “cattiva gestione del denaro pubblico” “ … etc. etc..”.

Successivamente al sequestro della cabina da parte delle autorità competenti, in data luglio 2010, l’Ing. De Santis, tecnico comunale, predisponeva, in sanatoria, un nuovo progetto relativo a adeguamento funzionale centro di raccolta temporaneo rifiuti differenziati ed installazione di cabina per la trasformazione di energia elettrica.

In data 29 ottobre 2010, “camuffato” tra i lavori di somma urgenza seguiti all’alluvione, viene stilato un “verbale per l’affidamento dei lavori in economia” dove troviamo scritto che:

  1. è necessario procedere con urgenza alla realizzazione del manufatto (cabina elettrica) così come autorizzato (progetto in sanatoria);
  2. la ditta Russo Costruzioni (che nel frattempo conduce i lavori di somma urgenza per il ripristino del tratto di via dei Dogi) comunica di adoperarsi prontamente solo per la demolizione del volume esistente (e, quindi, abusivo);
  3. la ditta locale “Bruno e Bonaventura Rispoli” è disponibile alla esecuzione in urgenza dei lavori di ricostruzione della cabina;
  4. l’importo dell’intervento è stimabile in euro 7.000 oltre oneri fiscali.

Questi i fatti che testimoniano che il nostro esposto non era campato in aria; che si è reso necessario un intervento di demolizione del manufatto edificato abusivamente e della conseguente realizzazione di una nuova cabina per sanare l’illecito (oltretutto utilizzando, in maniera certamente anomala, la somma urgenza seguita all’alluvione); che la cabina stessa è stata pagata dalla collettività due volte 12.000 euro (5.000 + 7.000)!

Parlare di “… assoluzione con formula piena perché il fatto non sussiste …” in presenza di una:

  • contravvenzione edilizia caduta in prescrizione;
  • rimessione in pristino attraverso lavori in sanatoria costati oltre 7.000 euro.

è alquanto azzardato!

Se poi a pagare sono “sempre i soliti f…” cittadini, compresi quelli che, come noi, hanno la memoria lunga, è un problema che riguarda la Legge ed il corso della Giustizia e non certamente chi svolge il proprio compito con onestà e scrupolosità!!

A meno che non si voglia far passare un messaggio volto ad intimorire coloro che democraticamente sono stati delegati dai cittadini a svolgere funzioni istituzionali.

Atrani, 11.08.2017

                                                       ATRANI FUTURA

Giovedì 29 incontro pubblico sul dissesto idrogeologico alla Casa della Cultura

Giovedì 29 incontro pubblico sul dissesto idrogeologico alla Casa della Cultura

C’è stato un momento, dopo l’alluvione di sei anni fa, ancor più doloroso degli attimi in cui il fango vomitato dalla montagna ha travolto Atrani. É stato il giorno dopo, quando quella notte infinita ha ceduto il passo alla luce, impietosa, della consapevolezza. Assieme a Francesca il giorno dopo tutti cercavamo un perché, assieme ai danni contavamo le mancanze, le incertezze, gli errori e le lentezze rispetto alla gestione del rischio idrogeologico con cui, da sempre, è costretto a convivere il nostro bellissimo e fragile territorio.
Per non dimenticare che la memoria di Francesca va onorata facendo in modo che non accada mai più, Atrani ospiterà giovedì 29 settembre (ore 18.00, sala polifunzionale della Casa della Cultura) l’incontro-dibattito organizzato nell’ambito della III edizione del Premio Francesca Mansi per l’Ambiente “Il dissesto idrogeologico in Costiera Amalfitana: i rischi, la prevenzione, le criticità”.
Assieme al geologo Franco Ortolani, Italia Nostra, Associazione Acarbio, Rete delle scuole della Costiera Amalfitana e amministratori locali si discuterà di rischio, gestione delle emergenze, diffusione della “cultura dell’ambiente”.
Sarà anche l’occasione per tirare le somme del lavoro svolto da Atrani, senza tacere le tante criticità ancora esistenti, negli ultimi 30 mesi. Un impegno portato avanti su due fronti, che ha di fatto inaugurato una nuova stagione: rendere la cittadinanza sempre più matura e consapevole rispetto ai rischi e “smuovere a monte”, geograficamente e non solo, la questione Dragone. Molto è stato fatto: dal nuovo Piano di Protezione civile (tesato per la prima volta nel settembre 2014) al monitoraggio del torrente tramite telecamera e sensore d’allarme (collegato a ripetitori che avvisano del livello di criticità); dalla convenzione con Le Aquile Costa d’Amalfi per la gestione delle emergenze, all’istituzione del Nucleo di Protezione civile Comunale, fino all’impegno per la prevenzione del rischio “a monte”.
Su questo, più di tutto, ci sarà ancora da lavorare, cercando maggiore sinergia sia con gli altri comuni coinvolti, per evitare che le briglie di Pontone vengano ostruite da materiale pericoloso, sia con la Regione Campania, perché ripensi il criterio della “somma urgenza” in una programmazione sistematica e coerente degli interventi di manutenzione “ordinaria” delle stesse. L’ultimo, e costoso, intervento di pulizia “straordinario” risale allo scorso marzo, dopo mesi di sollecitazioni, e Atrani non ha ancora risposte sul prossimo.
Affinché il ricordo di Francesca non diventi uno sterile esercizio di contrizione collettiva, c’è bisogno del coraggio quotidiano, e condiviso, della memoria: contrastare l’abusivismo e lo sversamento illegale dei rifiuti lungo l’alveo del fiume, garantire la funzionalità delle opere poste a difesa dell’abitato, studiarne nuove e più efficaci, eliminare la sovrapposizione di competenze e poteri in sono obiettivi da continuare a perseguire senza sosta. La responsabilità, da cui nessuno può sentirsi esonerato, è quella del futuro della nostra terra!

ATRANI FESTEGGIA S. MARIA MADDALENA IL 22 LUGLIO – PROGRAMMA COMPLETO

atrani dal mare

Atrani si prepara ad onorare il prossimo 22 luglio la sua Santa Patrona, S. Maria Maddalena, con un vasto programma di festeggiamenti pensato per tenere assieme religiosità, tradizioni e spettacolo. Di recente elevata da Papa Francesco al grado di “festa”, la ricorrenza è molto sentita dagli abitanti e dagli ospiti che in questo periodo affollano il borgo, oltre che dai tanti atranesi sparsi per il mondo ed attira numerosissime persone da tutto il circondario.
Fulcro dei festeggiamenti la funzione solenne celebrata da Mons. Orazio Soricelli venerdì 22 alle ore 18.30, che sarà dedicata al compianto dott. Antonio Lombardi, a cui seguirà la tradizionale processione della statua lungo le vie del paese che culminerà con la “Corsa della Santa” prima del rientro in Collegiata.
Ad accompagnare la festa ci saranno il Concerto Bandistico Città di Aliano il giorno della vigilia e quello di Minori il 22.
I festeggiamenti, che inizieranno mercoledì 20 con l’accensione delle luminarie, saranno conclusi con il tradizionale spettacolo di fuochi pirotecnici: sarà la premiata ditta Luigi Di Matteo di S. Antimo a illuminare di luci e colori lo specchio d’acqua su cui si affaccia il borgo, rendendo ancor più magica la festa più sentita dell’anno.

PROGRAMMA

Solenni Festeggiamenti in onore di Santa Maria Maddalena Protettrice della Città di Atrani (SA)

21 – 22 luglio 2016

“Quaesivit ergo prius et minime invenit, perseveravit ut quaereret, unde et contigit ut inveniret” (Greg. M. in ev. 2,25,2)

Mercoledì 22 Giugno:

ore 18:30 – Inizio mese di preparazione in onore di Santa Maria Maddalena Santo Rosario – Coroncina – Santa Messa.

Venerdì 15 Luglio:

ore 12:00 – Dal campanile della Collegiata alzata secolare del drappo con l’immagine della Venerata Santa, tra giochi di fuochi e fumogeni colorati.

ore 20:00 – In Piazza Umberto I alzata del quadro raffigurante l’immagine della Santa.

Mercoledì 20 Luglio:

Accensione delle Luminarie, curate dalla ditta Cella Giuseppe di Santa Lucia di Serino (AV).

ore 18:30 – Santo Rosario – Coroncina – Santa Messa.

ore 19:00 – In Collegiata, serata comunitaria in preparazione alla festa:Celebrazione di Santa Maria Maddalena (22 luglio) elevata dal Santo Padre “al grado di festa” “APOSTOLORUM APOSTOLA” – Interventi: Coord. Don Luigi De Martino, Prof. Luigi Buonocore (Presidente del museo del Duomo di Ravello e Presidente del Comitato Festeggiamenti di Ravello), Prof. Donato Sarno (storico), Prof. Giuseppe Gargano (storico), Maddalena Vuolo. Relazione finale di Davide Liotti (Presidente del Comitato Festeggiamenti Santa Maria Maddalena).

GIOVEDI’ 21 LUGLIO: VIGILIA DELLA FESTA

ore 08:00 – Arrivo del Gran Concerto Bandistico “Città di Ailano” diretto dal M.° Nicola Hansalik Samale.

ore 08:30 – Sfilata della Banda Musicale per le vie principali del paese.

ore 10:00 – Solenne esposizione della Venerata Statua di S. Maria Maddalena – S. Messa.

ore 11:00 – Esecuzione di brani musicali in Piazza Umberto I.

ore 18:30 – Onori e omaggi floreali al Monumento dei caduti in guerra.

ore 19:00 – Come da tradizione, il Concerto Bandistico “Città di Ailano” allieterà la vicina Amalfi.

ore 19:00 – Primi Vespri Solenni – S. Messa solenne dedicata agli Atranesi nel mondo.

ore 21:00 – Scelto programma di musica classica in Piazza Umberto I.

VENERDI’ 22 LUGLIO: GIORNO DELLA FESTA

ore 08:00 – Arrivo del Gran Concerto Bandistico “Città di Minori” diretto dal M°   Giovanni Vuolo

ore 07:00 – 08:00 – 09:15:  S. Messe.

ore 10:30 – S. Messa Solenne animata dal coro parrocchiale “Forever Young”

ore 18:30 – Solenne Pontificale celebrato da S.E. Mons. Orazio Soricelli, animata dal coropolifonico “Pina Elefante”

ore 20:00 – Processione con la Venerata Statua di S. Maria Maddalena per le vie del paese.

 

Segue itinerario della Processione:

Partenza dalla Collegiata, per portarsi attraverso “Largo Ercolano Marini”, sulla “S.S. 163/Corso V. Emanuele”, fino all’ imbocco di “Via G. Di Benedetto” (si rispetterà una prima breve sosta di preghiera).

Si proseguirà fino al “Piazzale Largo Marinella”, dove attraverso la breve galleria si intraprenderà “Corso dei Dogi” fino alla parte alta dello stesso (seconda e breve sosta di preghiera).

Da qui, si ritornerà sul “Piazzale Marinella”, per raggiungere “Largo Orlando Buonocore” (terza sosta di preghiera).

Riportandosi di nuovo su “Largo Marinella”, si arriverà sulla spiaggia (antistante la Piazza), per la tradizionale benedizione al mare ed alle imbarcazioni accorse in segno di saluto nello specchio d’ acqua di mare antistante.

Attraverso l’arco della spiaggia, si arriverà in Piazza Umberto I.

Da qui, dopo i canti, le preghiere in onore della Santa e le benedizioni di rito, attraverso le scale di “Via F. M. Pansa” e “Via Proto – Pisani”, il Corteo della Processione, si porterà davanti all’ ultima rampa di scale antistante il “Piazzale Maddalena”.

Dopo la manifestazione della “Corsa della Santa”, sostenuta dai portantini, la Processione raggiungerà di nuovo la Collegiata per i vari riti  e saluti di chiusura della Funzione Religiosa e la momentanea deposizione della Santa.

ore 22:00 – Scelto programma musicale in Piazza Umberto I.

ore 23:30 – Spettacolo pirotecnico curato dalla premiata ditta Luigi Di Matteo – Sant’Antimo (NA).

ore 24:00 – Gran finale musicale in Piazza Umberto I.

Sabato 23 Luglio:

ore 19:00 – S. Messa Solenne di ringraziamento e reposizione della Venerata Statua.

Giovedì 28 Luglio:

ore 18:30 – Santo Rosario – Coroncina.

ore 19:00 – Solenne esposizione della Venerata Statua di S. Maria Maddalena – S. Messa.

Venerdì 29 Luglio:

ore 18:30 – Santo Rosario – Coroncina

ore 19:00 – S. Messa Solenne animata dal coro di “Sant’Antonio” Conca dei Marini. Seguirà breve processione sul sagrato della Chiesa, benedizione del paese dal terrazzo, reposizione della Venerata Statua.



INUTILE ED INGIUSTIFICATO L’ALLARMISMO SUL MARE DI ATRANI

atrani dal mare

In relazione al servizio mandato in onda dal tg3 lo scorso 10 luglio sul rapporto di Goletta Verde circa l’inquinamento dei mari, ripreso in seguito da moltissime testate nazionali e locali, vanno fatte delle precisazioni urgenti e necessarie.

Lo specchio d’acqua antistante Atrani è costantemente oggetto di prelievi da parte dell’Arpac, l’Agenzia Regionale Campana, la cui attività istituzionale comprende la vigilanza ed il controllo del rispetto delle normative vigenti, anche per quanto riguarda il requisito della balneabilità; in altri termini si occupa di controllare che i livelli di Enterococchi intestinali ed Escherichia coli si mantengano sotto i livelli di sicurezza per la salute.

Consultando l’archivio on line delle analisi effettuate si evince in maniera chiara che il requisito della balneabilità, raggiunto due anni fa dopo ben sette di divieto di balneazione, è stato ampiamente mantenuto e ciò grazie all’impegno costante di questa Amministrazione e dell’Ausino nel far funzionare al meglio delle proprie possibilità l’impianto di trattamento dei reflui esistente.

Gli ultimi cinque prelievi consecutivi, dal 18 aprile e fino allo scorso 26 giugno, continuano a confermare l’inversione di tendenza iniziata due anni fa.

Il danno d’immagine provocato dalla diffusione dei dati di Goletta Verde è incalcolabile per il nostro paese, che del mare fa una delle sue risorse turistiche ed economiche più importanti. In più, inserire Atrani nella black list dei litorali “fortemente inquinati” ha innescato una situazione di allarmismo inutile ed ingiustificato nella popolazione e negli ospiti del borgo. Inutile, perché la concentrazione batteriologica è costantemente monitorata dall’Arpac e l’impianto di trattamento dei reflui controllato in tutte le sue funzioni quasi ogni giorno. Ingiustificato, perché i dati raccolti nel tempo non hanno mai segnalato il superamento delle soglie di pericolo per la salute, anzi: l’ultimo prelievo del 26 giugno ha rilevato valori di Escherichia coli ed Enterococchi intestinali pari a 10, quando la soglia limite è rispettivamente 500 e 200.

Il rapporto di Goletta Verde (di cui, pur rispettando il tenace operato di sensibilizzazione sulle tematiche ambientali, non condividiamo appieno, per quanto concerne i prelievi, le modalità di monitoraggio effettuato una tantum, senza costanza né coerenza nel tempo) ci stimola a non abbassare la guardia sulle condizioni del nostro mare. Senza dimenticare, però, che l’Ente preposto a certificare la qualità delle acque è e resta l’Arpac, l’unico a cui possiamo e dobbiamo affidare la serenità della nostra stagione balneare ad Atrani.

ATRANinFORMA – BOLLETTINO INFORMATIVO DEL GRUPPO CONSILIARE ATRANI FUTURA – ANNO 0 – N. 0

PAGINA-6

MERCOLEDI’ 8 GIUGNO

ORE 19 – P.ZZA UMBERTO I

Due anni di lavoro, di impegno quotidiano, di determinazione nel portare avanti quell’ idea di cambiamento che in tanti hanno scelto di appoggiare… e ne ha fatta di strada Atrani in questi quasi 750 giorni! Con questa iniziativa vogliamo offrire concretezza ulteriore al nostro obiettivo di amministrazione condivisa e un’occasione alla cittadinanza per “stare dentro” al cammino quotidiano che il nostro paese sta compiendo, sgombrando il campo da polemiche strumentali circa i risultati raggiunti finora e considerando questi ultimi un nuovo punto di partenza. Abbiamo scelto, non casualmente, di lanciare il numero zero del nostro bollettino informativo con una tematica che, sin dall’inizio, ha caratterizzato la nostra storia e il nostro impegno per Atrani: la tutela dell’ambiente, del territorio, della salute dei cittadini. E da qui che deve necessariamente passare ogni progetto di sviluppo serio e duraturo per il paese! I prossimi numeri vedranno ancora approfondimenti su altre tematiche di rilevante interesse comune, oltre a ogni informazione utile su servizi e iniziative di utilità sociale. Perché il futuro può essere semplicemente la somma degli avvenimenti quotidiani, e non e più tempo per Atrani di “vivere alla giornata”, o il risultato di una programmazione lungimirante e seria; e su questa seconda ipotesi che intendiamo continuare a lavorare, con l’aiuto e il contributo di cittadini sempre più informati e consapevoli!

SCARICA QUI IL BOLLETTINO INFORMATIVO – ATRANinFORMA

PAGINA-1

PAGINA-2

PAGINA-3

PAGINA-4

PAGINA-5

PAGINA-6